Pezzetti di vita...
Home Archive Random Mobile RSS Feed Ask
"E io lo so che mi mancherà, anche se non riuscirò mai ad ammetterlo. Farò finta di niente, fingerò che questi anni non mi siano passati dentro, fingerò di averli scordati o di non averli vissuti mai." - Valentina D’Urbano, Il rumore dei tuoi passi (via comeunastelladanzante)

(via millelacrimeversate)

"-E poi cos’è successo?
Quello che succede sempre. Le risate sono finite e sono rimasti solo i ricordi."
- Giorgio Faletti (via negliocchiavevailmare)

(via moscacieca)

"E quando la mattina non ti sveglia nessuno; e quando la sera non ti aspetta nessuno; e quando puoi fare quello che vuoi… Come la chiami?
Libertà o solitudine?"
- (via avereunsogno62)

(via la-ale-qui)

"Non dar retta ai tuoi occhi, e non credere a quello che vedi. Gli occhi vedono solo ciò che è limitato. Guarda col tuo intelletto, e scopri quello che conosci già, allora imparerai come si vola." - Richard Bach, Il gabbiamo Jonathan Livingston. (via tripps42)

(via subroken)

"Le emozioni inespresse non moriranno mai. Sono sepolte vive e usciranno più avanti in un modo peggiore." - Sigmund Freud  (via toanywhere)

(Fonte: lopsicodrammadellessere, via marmellatadipesche)

valentanna:

“Non mi sono mai intossicata di droghe, ma d’amore, di un amore sconsiderato e folle, più simile a un danno che a una cura, a un crepacuore che a un cuore sano. E ho combattuto, ho sferrato attacchi e anch’io il giorno dopo ho cercato di rimediare. L’amore è vivido. Non ho mai voluto la versione sbiadita. L’amore è una forza alla massima potenza. Non ho mai voluto la versione diluita. Non mi sono mai sottratta all’enormità dell’amore, ma non sapevo che l’amore potesse essere affidabile come il sole. Il sorgere quotidiano dell’amore.”

— Jeanette Winterson “Perché essere felice quando puoi essere normale?” (via kite62) . (via dreams-in-my-sky)

"La vita continuò perché la vita continua, e il tempo passò, perché il tempo passa." - Jonathan Safran Foer - Ogni cosa è illuminata   (via xlightyearbuzz)

(via fusionediemozioni)

lost—-in—-you:

“Amare una persona non è una cosa semplice. Passarci tanto di quel tempo insieme, conoscere i suoi difetti spigolosi, i suoi comportamenti aspri, le sue cattive abitudini. Le volte che avresti desiderato prenderlo a capate, lanciargli il telefono, bruciargli le ruote della macchina. Distruggerle lo specchietto, urlarle in faccia, lasciarla in mezzo la strada. Baciarlo, tutte le volte che avresti voluto e non potevi farlo. Sfiorarla, tutte le volte che avresti voluto e non potevi farlo. La nausea per le troppe ore passate insieme, vederlo sbagliare, insistere, non cedere e perdonarlo sempre. Sopportarla quando si impunta e vuole avere ragione. Le sere che “adesso basta m’ha stufato” e le mattine a cercarlo col pensiero. Le mattine che “adesso la chiamo” e le sere ad aspettarla col pensiero. Vederlo in disordine, spettinato, malconcio, troppo felice, sudato, con le dita nel naso, con l’alito cattivo, brutto, disperato. Vederla struccata, con i peli alle gambe e i baffetti da fare, in pigiama, in ciabatte, coi capelli da stirare. Ascoltare i suoi discorsi dementi, le sue battute pessime, le offese, i pugni al cuore, i silenzi. Ascoltare i suoi complessi, i suoi scleri da ciclo, le lune storte. Farsi fregare il dolce, la cocacola, l’ultima goccia d’acqua. Guardarlo con un’altra. Guardarla con un altro. E restare immobili. Amare, non è conoscersi tre settimane alzarsi una mattina e dirgli “ti amo”. Non è solo poesie, canzone dedicate, regali, carezze e acqua di rosa. Amare è il tempo che scorre, le cretinate che gli altri non potranno mai notare, restare nonostante a volte ci si augura a vicenda il male. Amare è svegliarsi una mattina, e dire “Oggi, nonostante quello che è, ancora lo amo. Oggi nonostante mi lacera il cuore, ancora lo amo. Oggi nonostante il suo caratteraccio ancora lo amo. Oggi mi è capitato di meglio, ma se lui è il peggio, scelgo il peggio, perché ancora lo amo”. Ecco cosa significa amare. Ecco cosa intendevo, quando ti ho detto TI AMO.”

Federica Maneli 
(via stobeneanchesetuttovamale)

"Che cos’è la mancanza?
È quando, d’improvviso, il suo nome, l’odore, la voce, la risata, la forma delle mani e l’espressione dei suoi occhi ti spaccano la mente e, chiudendoti la bocca in un’espressione malinconica, si concentrano insieme in un pugno dritto allo stomaco."
-

(via senzamore76)

esatto

(via curiositasmundi)

(via misswasabisauce)

"Un giorno spiegherò ai miei figli che le delusioni esistono, che non devono avere paura di stare male. Che l’importante è solo avere la forza di rialzarsi." - La mia migliore amica (via rovino-sempre-tutto)

(via subroken)

lavitasegretadiunapsicopatica:

“Dicono che durante la nostra vita abbiamo due grandi amori. Uno con il quale ti sposerai o vivrai per sempre, può essere il padre o la madre dei tuoi figli: con questa persona otterrai la massima comprensione per stare il resto della tua vita insieme. E dicono che c’è un secondo grande amore, una persona che perderai per sempre. Qualcuno con cui sei nato collegato, così collegato, che le forze della chimica scappano dalla ragione e ti impediranno sempre di raggiungere un finale felice. Fino a che un giorno smetterai di provarci, ti arrenderai e cercherai un’altra persona che finirai per incontrare. Però ti assicuro che non passerà una sola notte senza aver bisogno di un altro suo bacio, o anche di discutere una volta in più. Tutti sanno di chi sto parlando, perché mentre stai leggendo queste righe, il suo nome ti è venuto in mente. Ti libererai di lui o di lei e smetterai di soffrire, finirai per incontrare la pace, però ti assicuro che non passerà un giorno in cui non desidererai che sia qui per disturbarti. Perché a volte si libera più energia discutendo con chi ami, che facendo l’amore con qualcuno che apprezzi.”

— Paulo Coelho, “El Zahir”

(Fonte: occhirossicomeunbloodymary)

"I muri non servono a niente quando è da noi stessi che dobbiamo proteggerci.." - Il rumore dei tuoi passi (via tornerosuquellescale)

(via gliocchituoilosanno)

Powered by Tumblr. Theme by Reeckerz
1 / 173